Bonus Investimenti SUD (Credito d’Imposta per investimenti nel mezzogiorno)

Che cosa è:

Un credito di imposta a favore delle imprese che acquistano beni strumentali nuovi destinati a strutture produttive ubicate nelle regioni Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia, Molise, Sardegna e Abruzzo, facenti parti parte di un investimento iniziale che rientri nelle seguenti categorie:

  • creazione di un nuovo stabilimento
  • ampliamento della capacità produttiva di uno stabilimento esistente
  • la diversificazione della produzione di uno stabilimento esistente per ottenere prodotti nuovi e non fabbricati
  • il cambiamento fondamentale del processo produttivo complessivo di uno stabilimento esistente

A chi è rivolto

Tutte le imprese, ad esclusione delle imprese in difficoltà e dei soggetti operanti nel settore siderurgico, carbonifero, della costruzione navale, delle fibre sintetiche, dei trasporti e delle infrastrutture, della produzione e della distribuzione di energia, nonché delle infrastrutture energetiche, del settore finanziario, creditizio ed assicurativo.

Intensità del credito d’imposta

Per le Regioni: Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, Sicilia e Sardegna, l’agevolazione per investimenti realizzati dal 1 Marzo 2017 al 31 Dicembre 2019 spetta nei limiti seguenti:

  • del 45% per le piccole imprese
  • del 35% per le medie imprese
  • del 25% per le grandi imprese

In Abruzzo e Molise:

  • del 30% per le piccole imprese
  • del 20% per le piccole imprese
  • del 10% per le grandi imprese

Il limite massimo per progetti di investimento realizzati dal 1 Marzo 2017 al 31 Dicembre 2019 è di:

  • 3 milioni per le piccole imprese
  • 10 milioni per le medie imprese
  • 15 milioni per le grandi imprese

Come fruire del credito

Per fruire del credito d’imposta, i soggetti interessati devono presentare all’Agenzia delle Entrate un’apposita comunicazione nella quale devono essere indicati i dati degli investimenti agevolabili e del credito d’imposta del quale è richiesta l’autorizzazione alla fruizione.

Il beneficiario può utilizzare il credito d’imposta maturato solo in compensazione presentando il modello F24 esclusivamente tramite Entratel o Fisconline, pena il rifiuto dell’operazione di versamento, a partire dal quinto giorno successivo alla data di rilascio della ricevuta attestante la fruibilità del credito d’imposta.

Come e quando

La comunicazione deve essere presentata all’Agenzia delle Entrate esclusivamente in via telematica, direttamente da parte dei soggetti abilitati o tramite i soggetti incaricati di cui ai commi 2-bis e 3 dell’articolo 3 del DPR 322/1998 a partire dal 30 giugno 2016 e fino al 31 dicembre 2019.

Per informazioni: info@cantieridimprese.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.